UNO, NESSUNO E 10.000

                                                                                                                                             

NOI SAPPIAMO

"Uno, nessuno e 10.000"
 percorso civile di conoscenza 
delle dinamiche economiche.

Durante gli incontri si terrà la Conversazione civile "L'Altra Faccia della Moneta". 


"Uno, nessuno e 10.000", percorso civile di conoscenza delle dinamiche economiche

Per gli incontri in calendario consulta la pagina www.noisappiamo.it 

qui



Il 9 gennaio 2016 è stato ufficialmente avviato nella sede di Emmaus a San Nicolò di Ferrara il progetto promosso dal Gruppo Cittadini Economia "Uno, nessuno e 10.000". Previsti dai promotori diciotto incontri in diciotto mesi nel territorio ferrarese, in cui poter ascoltare relazioni e conversazioni civili su come uno Stato potrebbe e dovrebbe funzionare in materia di politica economica e monetaria, effettuando scelte che soddisfano i bisogni dei cittadini. "Un modo di riprendere collettivamente lo spazio per pensare, ragionare e decidere - affermano gli organizzatori - diffondendo una chiave di lettura dell'economia che aiuta a individuare le ragioni delle attuali decisioni politico-economiche così lontane dai bisogni delle persone, che aumentano la disoccupazione, che diffondono cultura della scarsità e sofferenza; che aiuta a capire chi e perché è favorito da questa situazione".

Lo scopo dei promotori è raggiungere 10.000 cittadini ferraresi che abbiano gli strumenti per leggere e interpretare queste dinamiche economiche e che possano affermare "noi sappiamo" e "non siamo soli". La partecipazione agli incontri è gratuita e si accede tramite prenotazione-invito inviando una mail a: gruppoeconomia.fe@gmail.com indicando nell'oggetto della mail "Uno, nessuno, 10.000".

Ai partecipanti agli incontri viene proposto di aderire alla "Dichiarazione di realtà", una sorta di manifesto elaborato dal Gruppo Cittadini Economia, che sintetizza i principi economici base approfonditi dai partecipanti alle attività del gruppo in quattro anni di incontri, seminari e conversazioni che hanno coinvolto economisti, amministratori e studiosi della materia.

Gli incontri fatti:

2016


sab. 9 gennaio sede di Emmaus a San Nicolò di Ferrara

sab. 13 febbraio sede Ass.Ricostruttori, Cascina S.Caterina (S.Martino-FE); 
sab. 12 marzo, nella sede del Centro Servizi Volontariato Agire Sociale, via Ravenna 52 (ingresso su via Ferrariola) a Ferrara
sab. 9 aprile alle 15, nella sala incontro della Parrocchia di S.Francesca Romana, via XX Settembre 47 a Ferrara; 
dom. 15 maggio alle 15 Circolo Ragno Azzurro, via A. Gramsci Massafiscaglia (Fiscaglia-FE)
giovedì 09 giugno alle 16 Santa Francesca Romana, via XX settembre a Ferrara; 
sabato 09 luglio alle 16 Ass.Ricostruttori, Cascina S.Caterina (S.Martino-FE)
sabato 08 ottobre 2016  alle 15.00 presso l'Urban Center, sala "I sogni" in Via del Lavoro, 4 Tresigallo (FE); 
sabato 05 novembre 2016 alle 14.30 presso la Parrocchia Sant'Antonio di Padova a Piazza Cittadella, Modena (MO); 
10 dicembre 2016 (sabato) ore 15:00 "Il Bosco Officinale" Via Comunale per Goro, 3/a Mesola (Fe);

2017


 - sabato 21 gennaio 2017 alle 15:00 presso "Agire Sociale -Centro Servizi per il Volontariato" 

Via Ravenna, 52 - 44124 Ferrara (FE) 
Sabato 4 febbraio 2017 ore 15,00 c/o La Locanda di San Dalmazio Strada Provinciale, 67 San Dalmazio (MO)
Sabato 11 febbraio 2017 ore 14,30 c/o Biblioteca Comunale Strada Marcavallo, 35 Ostellato (FE)
 - sabato 11 marzo 2017 alle 15:00 presso "Agire Sociale -Centro Servizi per il Volontariato" 
Via Ravenna, 52 - 44124 Ferrara (FE) 

 - sabato 08 aprile 2017 alle 15:00 presso "Agire Sociale -Centro Servizi per il Volontariato" 
Via Ravenna, 52 - 44124 Ferrara (FE) 

 - sabato 20 aprile 2017 alle 19:30 c/o BIOTECA - viale G. Amendola 525 Modena

 - sabato 13 maggio 2017 alle 15:00 presso "Agire Sociale -Centro Servizi per il Volontariato" 


Via Ravenna, 52 - 44124 Ferrara (FE) 


>> Dichiarazione di Realtà


IO SO che uno Stato sovrano, con sovranità monetaria può emettere moneta fiat. Tale moneta è un "bene" comune. La moneta così creata dallo Stato è emessa come unità di misura della ricchezza reale di una nazione. Pertanto all'aumentare della ricchezza reale di una nazione (risorse naturali e lavoro dei cittadini) occorrerà aumentare la quantità di moneta. Se lo Stato chiede questa moneta ai mercati finanziari si indebita e indebita i suoi cittadini, se invece la crea, fa emissione monetaria: questa si chiama spesa a deficit ed è la ricchezza finanziaria dei cittadini.

Tale moneta creata dallo Stato è nuova ricchezza finanziaria per cittadini e imprese. e si può definire Accredito Pubblico.

La quantità di moneta da emettere è in funzione della quantità di lavoro disponibile dei cittadini, della quantità di beni prodotti, della quantità di servizi erogati ed erogabili e della quantità di risparmio che si vuole che i cittadini abbiano. Pertanto in uno Stato con il potere di emettere moneta l'imposizione fiscale non serve a reperire le risorse monetarie per finanziare la spesa pubblica ma ha come scopo principale quello di avviare il circuito monetario e regolare la Domanda Aggregata. Infatti uno Stato così organizzato prima emette moneta poi eventualmente esercita il potere di Imposizione fiscale.

Tale Stato permette al Governo di avere a disposizione la quantità necessaria di moneta da emettere e in tal modo garantire:

- stabilità dei prezzi
- piena occupazione
- piena attivit
à delle imprese
- tutela dei diritti di ogni persona e sostegno delle categorie pi
ù vulnerabili

IO SO che la volontà di raggiungere questi diritti e obiettivi in uno Stato sovrano è unicamente una volontà politica. Qualsiasi persona affermi che ciò non è raggiungibile per problemi finanziari, mente o ignora come funziona uno Stato con potere di emissione monetaria. Pertanto da oggi

TOLGO IL MIO CONSENSO a qualsiasi governo, associazione, organizzazione, partito o persona che non metta come priorità assoluta la riforma del sistema monetario impedendo in tal modo alla comunità di raggiungere la PIENA OCCUPAZIONE, STABILITÀ DEI PREZZI, PIENA ATTIVITÀ DELLE IMPRESE E PIENA TUTELA DEI DIRITTI DELLE PERSONE, in particolare delle persone più vulnerabili e

CONDIVIDO quanto sopra con amici, per creare le condizioni affinché la mia nazione (e tutte le nazioni) e ancor più le generazioni future possano godere di un stato e di un mondo libero dal "debito pubblico", libero da interessi e libero, quindi, dal controllo del sistema finanziario e

CREO INSIEME AI MIEI CONCITTADINI le condizioni affinché la vera ricchezza sia la nostra operosità, le risorse della nostra nazione, la nostra creatività e la cooperazione con le altre nazioni e la moneta torni ad essere una semplice unità di misura creata, controllata ed emessa dallo stato e non presa a noleggio dai "mercati finanziari", in pratica di nostra proprietà.















Commenti

Post popolari in questo blog

AI CITTADINI FERRARESI E ALLA FINANZA INTERNAZIONALE

IL CONSENSO, LA DEMOCRAZIA E IL DEBITO