Povia - Highlander dei cantautori

... riflessioni del giorno dopo ... di Guido SITTA


Quando ero ragazzo (anni ’70 e ’80) si ascoltavano i “cantautori”. Non solo facevano belle canzoni e riuscivano a trascinarti con una voce e una chitarra, ma ti facevano pensare, ti entusiasmavano o ti facevano incazzare ma, ad ogni modo, ti facevano prendere una posizione. Non esisteva il “politically correct”, quello spauracchio che ti impedisce di dire quello che pensi veramente e non era necessario annacquare ed edulcorare le proprie opinioni per non fare torto a nessuno. I cantautori se ne fregavano e ci facevano capire che se non ci fossimo svegliati ci saremmo trovati imbavagliati, anestetizzati e lobotomizzati a breve. I cantautori di oggi, ben che vada, ci raccontano delle loro frustrazioni sentimentali e cercano di commuoverci col loro dolore di esistere.



Gli strumenti per informarsi e conoscere, in quegli anni, erano sicuramente molto più limitati (e controllati) di quanto lo siano oggi ma ciò nonostante il disagio, le disuguaglianze sociali e le ingiustizie venivano denunciate ad alta voce, in concerti dove si andava scalzi e dove si era tutti insieme, si faceva la storia. Si era disposti a fare a botte per difendere le proprie idee, giuste o sbagliate che fossero.

Oggi, che l’informazione è alla portata di tutti, le ingiustizie e le spaventose aberrazioni sociali sono davanti agli occhi di chiunque, al punto che sono diventate “normali”. La denuncia di ciò che non va è stata spettacolarizzata, fa audience. Non si parla più di ideali, non si denuncia più ciò che “non è giusto”, non è quasi più possibile capire se si è di destra o di sinistra, tutto si è trasferito sul piano dell’economia e della finanza. E’ stata alzata l’asticella del sapere e non basta più parlare col cuore per svegliare gli animi, adesso prima di aprire bocca bisogna essere certi di non dire stronzate, di essere ben informati. E solo a quel punto si può denunciare e chiedere alla gente di svegliarsi.

Era da tanti anni che non mi trovavo davanti un vero “cantautore”, uno che ha il coraggio di dire come stanno le cose e che, visti i tempi, è anche capace di informarsi prima di parlare. Uno che non ha peli sulla lingua e che ha preferito raccontare quello che vede piuttosto che cantare ciò che la gente vuol sentire. Un sopravvissuto, un Highlander del suo genere. Un cantautore moderno, che incarna la voglia di raccontare come stanno le cose e che, senza nulla voler insegnare, chiede a chi lo ascolta di aprire gli occhi e le orecchie, di svegliarsi.

Povia ti fa meditare su cosa siano il debito pubblico, la soglia del 3%, la moneta, sino a chiedersi come sia realmente nata l’unità d’Italia e a chi abbia fatto comodo. Sono argomenti per un pubblico colto, adulto e che, dopo decenni di bugie raccontate dai propri politici, nonostante la stanchezza e le innumerevoli delusioni, ha ancora la voglia di farsi domande. Ci vorrebbero 10, 100, 1000 mille Povia, che sappiano parlare a tutti, ai giovani, agli adolescenti, a quelli che in fondo “meglio lasciare le cose come stanno”, a quelli che sono rassegnati, a quelli che credono ancora a Babbo Natale e a quelli che non dicono quello che pensano perché non sanno quanto sia bello.     

Bravo Povia, per me sei l’Highlander dei cantautori!




Commenti

  1. Bravo Guido......Un'analisi certamente dello spaccato del nostro tempo, e di quello che stiamo vivendo.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

IL CONSENSO, LA DEMOCRAZIA E IL DEBITO