Ordine del giorno di martedì 28 giugno 2016

Il Gruppo si riunisce tutti i martedì e la riunione è aperta a tutti, siete tutti invitati. Venite a trovarci... questa è la mail che gli iscritti alla nostra mailing list hanno ricevuto questa settimana.

Federico Caffè diceva che per agevolare lo sviluppo bisognava eliminare le borse.... quello che sta succedendo in questi giorni è forse emblematico. Il finanziere Soros che fece crollare la sterlina e la lira negli anni novanta ha dichiarato che il Brexit avrebbe fatto perdere tanti soldi. Ma quali soldi, di chi? probabilmente di grandi investitori e finanzieri come lui, appunto. Le persone sono cosa diversa, ma noi confondiamo molto spesso gli interessi di questa gente con i nostri. E lo facciamo guardando alle borse che rappresentano i miliardi che girano e non si fermano mai nelle nostre tasche e non creano mai benessere per le persone comuni. Alla fine quello che di sicuro ci coinvolgerà sarà il fatto che i potenti che ci perdono chiederanno attraverso i politici di farci ripagare le loro perdite. Questa è l'essenza dell'austerità.  


Ciao a tutti,
i vediamo martedì 28 giugno 2016 in Via XX settembre, 47 presso la Chiesa di Santa Francesca Romana di Ferrara dalle ore 20.30 alle 22.30. L’Ordine del Giorno è il seguente:
• 20.30 – 20.45introduzione ed eventuale accoglienza. Riepilogo.
• 20.45 – 21.30: Organizzazione dello spettacolo del 21 settembre.
• 21.30 – 22.00: Moneta Complementare EMME. Ultimi sviluppi.

• 220 – 22.30: Organizzazione delle Scuole di Economia / cicli di incontro di Ottobre: punto della situazione, sala, nr. Incontri, ospiti e idee.


Moderatore: Claudio Z.


Ricordiamo il prossimo appuntamento con Uno, Nessuno e 10.000 che si terrà il 09 luglio 2016 alle ore 15.30, per i dettagli 

Inoltre vi invitiamo a scriverci per inserire il vostro nome al documento per il NO alla riforma Costituzionale, per i dettagli

Inoltre vi segnaliamo le pagine 
Vi auguro una buona domenica
Claudio Pisapia

Commenti

Post popolari in questo blog

IL CONSENSO, LA DEMOCRAZIA E IL DEBITO