IL M5S, LA MACROECONOMIA E IL PARTITO DEL PENSIERO UNICO

Il M5S, la macroeconomia e il partito unico
Lunedì sera (12 ottobre, ndr) il consigliere comunale Claudio Fochi (M5S) ha presentato una mozione nella seduta del Consiglio comunale che pretendeva sinceramente troppo.
Il consigliere Fochi, che non è un economista ma un professore di Liceo, laureato in lingue e letterature straniere, ha preteso di trattare e discutere di Macroeconomia, tra l'altro in un Consiglio comunale della periferia italiana.


La mozione riprendeva una proposta avanzata da un Gruppo di Cittadini (Gruppo Cittadini Economia di Ferrara) a tutti i Gruppi consiliari, indistintamente, senza preclusioni e che chiedeva di andare a fondo sui temi che stanno peggiorando la vita di tanti cittadini, ferraresi e non, e ne stanno offuscando il futuro.

Ha provato ad usare il buon senso, il consigliere Fochi, a ragionare sul perché non avesse senso continuare a parlare dei problemi, come l'aumento delle tasse e il peggioramento dei servizi, se non si fanno i conti con la storia degli ultimi trent'anni che ci dicono che lo Stato italiano ha rinunciato alla possibilità di risolverli cedendo sovranità politica e monetaria. E ha provato a parlare del “divorzio” tra Banca d'Italia e Tesoro, preludio della nascita del debito pubblico così come lo conosciamo adesso; certo bisognava anche avere il tempo di parlare dell'ingresso nello SME e delle politiche dei tassi fissi, della privatizzazione dell'IRI e delle banche, della liberalizzazione dei capitali e della fine della separazione tra banche commerciali e finanziarie.

Nei pochi minuti a disposizione per l'intervento, ha detto però della BCE che non può prestare i soldi direttamente agli Stati ma solo attraverso le banche per cui si genera un ovvio aumento degli interessi. Si potrebbe aggiungere che questa norma è prevista dall'art. 123 del Trattato di Lisbona che al comma seguente dice però che se uno Stato lo ritiene può dotarsi di una Banca pubblica e ricevere quindi direttamente i finanziamenti. Operazione questa che non sarebbe da economista ma semplicemente da persona di buon senso e che farebbe risparmiare allo Stato, subito, qualcosa come 80 miliardi all'anno.

Una mozione complessa e articolata nella sua semplicità, perché non chiedeva ai Consiglieri del Comune di Ferrara di risolvere i problemi dell'Europa, ma di avere una visione, di essere i primi a prendere atto che le difficoltà di un Comune non dipendono originariamente dai mancati trasferimenti dello Stato e cominciare a ragionare su questo.
La mozione chiedeva di impegnare il Sindaco a parlarne con i suoi colleghi, a mettere insieme le forze e pretendere un dibattito a più alto livello. Ferrara non poteva risolvere il problema, certo, ma poteva iniziare finalmente ad andare in una direzione diversa, accettare l'idea che continuare a sbattere contro le porte chiuse non porta a niente.
Non ci si aspettava un dibattito tra economisti e fini statisti - perbacco siamo a Ferrara! - ma almeno un tentativo, lo sforzo di accantonare per un attimo il mantra del “può andare solo così” e accettare che le strade sono tante e che noi ne abbiamo sperimentato solo una, e non ci sta portando al benessere ma alla miseria. A quando la possibilità di cambiare?
Tutti questi anni sono passati andando in un'unica direzione che non ha migliorato la nostra situazione economica, anzi... Non riusciamo a immaginare un futuro migliore per i cittadini che verranno dopo di noi, come sarebbe normale, eppure ancora ci si rifiuta di prendere atto di questa situazione e si rincara la dose.

Non servono gli economisti, serve il buon senso di guardarsi intorno e constatare che ci è rimasto poco da svendere, e dopo? Ci resterà forse il rimpianto di non avere voluto ascoltare, di aver voluto seguire la stessa strada che ci ha portato all'aumento della disoccupazione, delle tasse e della povertà.

Il consigliere Rendine (GOL) ha votato a favore della mozione, affermando che gli è dispiaciuto non averla presentata lui quella mozione... il resto dei Gruppi consiliari da Sel a Ferrara Concreta, Fdi, Lega Nord e FI lasceranno ai posteri solo un silenzio assordante.
Dall'altra parte il PD, purtroppo un partito oramai senza 'visione', oggi come ieri. Quelli che sono al Governo hanno la 'soluzione' nelle privatizzazioni, oggi come ieri. I giornali ci dicono che le Poste sbarcano in borsa, un altro passo non nuovo verso il miglioramento dei conti dei mercati e della finanza, non certo dei cittadini. Svendiamo un bene pubblico per ridurre qualche misero punto di debito pubblico oggi che riacquisteremo tra qualche anno, come è già successo, grazie al sistema consolidato degli interessi sugli interessi.
Assessore e Consigliere di maggioranza – quelli rimasti - glissano, non sprecano tempo. Si ammette che forse un altro modo c'è ma non è di loro competenza. Votano contro e criticano le non sempre chiare posizioni di Grillo. Su questo siamo d'accordo, ma forse per crescere bisogna essere capaci di cambiare idea, di evolversi, migliorare e il PD questa capacità dimostra di non averla.

E così Ferrara perde un'occasione. Alcuni rappresentanti del Gruppo Cittadini che quella mozione l'aveva ispirata presenti sulle gradinate della sala del Consiglio sfilano via, hanno da rendicontare a una lista di 400 persone che è andata come non avrebbero voluto; chi non ascolta oramai da troppo tempo continua sulla sua strada, ma ci sono anche forze nuove che crescono e qualcuno che ha voglia di ascoltare c'è.

Commenti

Post popolari in questo blog

IL CONSENSO, LA DEMOCRAZIA E IL DEBITO